I Guardiani della Galassia, o “del trappolone per trentenni”

I Guardiani della Galassia, o "del trappolone per trentenni"

guardian-of-the-galaxy-posterPrima o poi ci arrivo, col mio solito mostruoso ritardo. Guardo i film quando già la produzione è al terzo sequel di solito, quindi stavolta sono persino in anticipo. E così anche io alla fine ho visto Guardians of the Galaxy.

Potrei lasciarvi solo col preciso e puntuale honest trailer e già ne sapreste abbastanza, fidatevi. Il video sintetizza in breve davvero tutto quello che c’è di serio da dire.

Ma siccome l’ho visto vi darò anche qualche considerazione mia. Ho visto questo film sapendo che era un trappolone per trentenni nostalgici, e probabilmente lo rifarei. La trama è debole, saltella di qua e di là sui soliti stereotipi e si gioca un paio di carte dell’ironia sulla falsa riga degli Avengers (ma va’!), però tutto sommato funziona. Tutto sommato.

Non ha pretese e non vuole averle, prende personaggi talmente sconosciuti ai più che anche se il regista li ha completamente stravolti non ci sono grossi problemi (parentele, origini e tutto), non c’è un universo solido a cui fare riferimento dato che si tratta di personaggi minori. Le caratteristiche che hanno fatto degli Avengers un gruppo vincente qui sono rimescolate si direbbe un po’ a casaccio.

La minaccia di un pianeta, l’amicizia, i discorsetti motivazionali, i personaggi inopinatamente buffi, il sacrificio, il tonto… c’è proprio tutto, da buon polpettone olliudiano, ma sempre sottotono, con una trama zeppa di buchi e di cliffhanger (ommioddiochipotràmaiessereilpadre? EH?), momenti di noia e momenti di azione frenetica scippati di peso a Star Wars. Oh, ora si dice in omaggio, per carità, sono tutti omaggi questi cloni.

Per il resto c’è un sacco di merchandising: dancing groot (la sequenza è costruita come un enorme spottone), walkman e compilation, l’orb… un trappolone, come dicevo, per quelli che hanno la mia età. Un trappolone che comunque funziona, perché quando vedi Howard la lacrimuccia interiore scende eccome.

E quindi stiamo qui a vedere come e quando i nostri eroi incontreranno quell’altro gruppo, quello famoso, e interagiranno coi loro alias per la ricerca di queste pietre (la quest generale dei film Marvel), e come proseguirà la ricerca del caro papino da parte del figaccione protagonista.

 

Se volete leggere qualche curiosità vi rimando al sempre approfondito e interessante 20 cose che non sapevate di… scritto dal Dr Manhattan.
Per gli impazienti di rivederlo invece qui potete prenotare la vostra copia, in uscita il 4 febbraio.

Posted in

Livia Di Pasquale

Cominciamo col dire che sono arrivata fino alla mia veneranda età schivando accuratamente i tuoi capolavori. Ho una sequela di "mai visto" e "mai sentito" da fare impallidire Ray Charles. Di tanto in tanto qualcuno si mette in testa di "aggiornarmi" sulla filmografia mondiale, portandomi qualche dvd "imprescindibile". Di trascinarmi al cinema, tanto, non ci sarebbe verso. Troppa gente, rumore, il fastidio di non potermi alzare quando dico io o lanciare in aria il dvd urlando "pull" mimando una schioppettata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *