And the Oscar goes to… tutti i premi degli Oscar 2014

And the Oscar goes to… tutti i premi degli Oscar 2014

selfie

Si è tenuta a Los Angeles la notte scorsa la kermesse cinematografica più famosa del mondo: gli Oscar.
Che hanno visto trionfare il nostro Paolo Sorrentino e la sua Grande Bellezza, ma hanno visto anche un Leonardo di Caprio snobbato e uno Scorsese dimenticato (forse il suo film che chiude una carriera, possibile che non sia stato preso in considerazione?). Premi che hanno visto il film con più statuette al Gravity di Cuaron (un film estremamente “pompato” per i nostri palati) ma che per fortuna hanno tributato il giusto alla strepitosa Cate Blanchett (Blue Jasmine) e a Spike Jonze per Her. Trionfa su tutti 12 anni schiavo, film che fa premiare, per la prima volta con un Oscar, un regista di colore, Steve McQueen.  Ma che fine hanno fatto le nomination per American Hustle?
Di seguito tutti premi.

P.S.- La foto in copertina è la foto che ha visto più retweet della storia. Postata da Ellen DeGeneres, ha subito fatto il giro del mondo.

 

Miglior Costume: Catherine Martin per Il grande Gatsby

Miglior trucco e acconciatura: Adruitha Lee e Robin Mathews per Dallas Buyers Club

Miglior cortometraggio d’animazione: Mr. Hublot di Laurent Witz e Alexandre Espigares

Miglior film d’animazione: Frozen di Chris Buck, Jennifer Lee e Peter Del Vecho

Migiori effetti speciali: Gravity di Alfonso Cuaron

Miglior cortometraggio documentario: The lady in number 6 di Malcolm Clarke e Carl Freed

Miglior documentario: 20 Feet from Stardom di Morgan Neville, Gil Friesen e Caitrin Rogers

Miglior cortometraggio: Helium di Anders Walter e Kim Magnusson

Miglior montaggio sonoro: Skip Lievsay, Niv Adiri, Christopher Benstead e Chris Munro per Gravity

Miglior canzone: Let it go da Frozen

Miglior colonna sonora: Steven Price per Gravity

Migliore scenografia: Catherine Martin e Beverley Dunn per Il grande Gatsby

Miglior attrice non protagonista: Lupita Nyong’o per 12 anni schiavo

Miglior attore non protagonista: Jared Leto per Dallas Buyers Club

Migliore fotografia: Emmanuel Lubezki per Gravity

Migliore sceneggiatura non originale: John Ridley per 12 anni schiavo

Miglior sceneggiatura originale: Spike Jonze per Her

Migliore adattamento: John Ridley per 12 anni schiavo

Miglior film straniero: La grande bellezza di Paolo Sorrentino

Miglior regia: Alfonso Cuaron per Gravity

Migliore attrice protagonista: Cate Blanchett per Blue Jasmine

Migliore attore protagonista: Matthew McConaughey per Dallas Buyers Club

Miglior film: 12 anni schiavo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *