Hercules – La leggenda ha inizio

Hercules - La leggenda ha inizio

hercules-la-leggenda-ha-inizio-la-locandina-italiana-del-film-294921C’era una volta, in un regno lontanissimo dell’Antica Grecia, il barbuto re Anfitrione (Scott Adkins), a cui piaceva seminare il terrore tra i suoi sudditi e sfogare rabbia e frustrazione sulla moglie Alcmena (Roxanne McKee).
Un bel giorno, con la complicità di Era, esasperata regina degli Dei, la donna mette in atto la tremenda vendetta: concepire il figlio di Zeus, colui che porrà fine ai soprusi dell’odiato marito e del suo regno. Eppure, al compimento del ventesimo anno, il salvatore Alcide-Hercules (Kellan Lutz) è più interessato all’amore della principessa di Creta, Ebe (Gaia Weiss), che a compiere la profezia. Sono solo la rivalità con il fratello Ificle (Liam Garrigan) e l’imboscata tesagli da Anfitrione a renderlo consapevole del proprio destino.

Hercules – La leggenda ha inizio, preludio alla storia del semidio più noto della mitologia greco-romana, visto attraverso le lenti sempre troppo rosa di Hollywood, è una sorta di “tredicesima fatica” decisamente mal riuscita. Renny Harlin, uno che di blockbuster dall’esito incerto se ne intende, cerca a tutti i costi di stupire, di utilizzare ogni possibilità offerta dalla tecnologiA, per dare spessore e concitazione, a quello che sembra un episodio a caso di una longeva soap-opera in onda da quarant’anni.

Hercules, a cui l’iper-vitaminizzato e legnoso Lutz non rende giustizia, assomiglia a un protagonista di Jersey Shore, a cui l’eccesso di abbronzatura spray che ricopre i muscoli guizzanti ha offuscato il cervello. Intorno a lui, personaggi-maschera che sembrano ripetere enfaticamente il copione di un dramma artefatto a puntino, di cui non condividono una parola. L’assetto da videogame s’inceppa come un disco incantato, tra i cui solchi si rincorrono, senza uno scopo preciso e senza pietà, citazioni su citazioni: le epiche battaglie di Il Gladiatore, tentativi di ricreare l’effetto piani vuoti made in Japan, le tecniche di combattimento à la Matrix, avanzate in stile Il signore degli Anelli, meditazioni notturne e solitarie che guardano a un Batman o un Superman. Con un colpo di grazia ispirato alla tradizione cattolica (leggi: la crocifissione). Tanto che non si sa se rimanere interdetti o assecondare liberatori scoppi di ilarità. E non è che l’inizio. Avendo il nostro eroe ucciso solo il Leone di Nemea, ci sono ancora undici fatiche da portare sul grande schermo. Che la forza sia con noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *