• Home
  • Un bruttissimo vizio

Un bruttissimo vizio

Succede gia da un po’ una cosa che non mi piace per niente: case Editrici come la Fanucci e la Nord, che hanno in mano la maggior parte dell’Urban Fantasy, pubblicano libri a casaccio facenti parte di cicli o trilogie. Era capitato all’inizio con la saga d’Anita Blake della Nord scritta da Laurell K.Hamilton che hanno cominciato le pubblicazioni dal terzo libro e hanno continuato, zompando avanti ed indietro, tanto che ho scoperto che poi la maggior parte delle persone che sanno l’inglese come me si sono fatti mandare i libri dall’estero per poterli leggere in ordine di pubblicazione in modo almeno da capirci qualcosa…

Ad esempio Anche i diavoli piangono è stata un’ottima scoperta nonché un ottimo regalo per il mio compleanno. Avevo sentito parlare di quest’autrice ma non credevo che l’avessero tradotta in italiano; infatti, Miss Kenyon è una delle autrici molto in voga in America, Inghilterra e Germania e scrive di Urban Fantasy, un genere che sta prendendo piede, mentre da noi finora c’era solamente la serie sia di Gentry che della Blake create da Laurell K. Hamilton, ed, infatti, è a quest’autrice che la Kenyon si è sicuramente ispirata.
Se si dà retta alla Fanucci il libro parlerebbe di Vampiri, ma le cose non stanno esattamente così. Sin, dio sumero della fertilità, cerca da anni la vendetta contro la dea greca Artemide che lo ha tradito, ferito e derubato dei suoi poteri rendendolo meno di un dio, ma nonostante ciò più di un umano. Sulle tracce di Sin c’è la zelante e decisamente splendida Katra, servitrice di Artemide, entrambe però si trovano ad affrontare i terribili gallu, demoni dell’oltretomba il cui morso è temibile anche per gli dei dell’olimpo. Ma in realtà i gallu sono solo l’avanguardia di un’orda di demoni ancora più terribili, che non possono assolutamente essere liberati.

Questa in breve è la trama, ma in realtà la storia è veramente ben raccontata e la Kenyon fa un ottimo lavoro, soprattutto con i personaggi secondari che costellano la storia; ad esempio le due cuginette demoniache Simi e Xirena saranno anche dei personaggi secondari, ma tengono la scena in maniera assolutamente divertente e sono le protagoniste di alcune delle pagine quasi comiche del libro; e la cosiddetta “divina” Artemide è il classico personaggio che si ama odiare.

Spero che anche gli altri libri della serie vengano tradotti. I libri della Kenyon fanno parte di una serie che si chiama “Dark Hunters”, i cacciatori delle tenebre, e nel libro se ne parla spesso, soprattutto perché “Anche i Diavoli Piangono” è IL 12° LIBRO DELLA SERIE, ma cominciare dal primo libro no?
E’ comunque vero che il libro può essere letto tranquillamente, ma si fanno riferimenti a eventi accaduti nei libri precedenti. E questo è un peccato perché in parte rovina la lettura.

E sempre la Fanucci continua imperterrita a pubblicare a casaccio stavolta con la serie di Eve Duncan di Iris Johnasen che addirittura cominciano dal NONO LIBRO che si chiama la Dodicesima Vittima… la storia non è male ma ci sono veramente troppi rimandi a libri e situazioni precedenti perché si possa godere fino in fondo… e nonostante i personaggi secondari siano godibili purtroppo sono proprio i due personaggi principali a pagare lo scotto della pubblicazione a casaccio

Per adesso si salva solo la Delos Book che pubblica cicli in ordine di pubblicazione originale, meno male che qualcuno non pensa solo al portafoglio ma anche al lettore…

Leave A Comment