#Sanremo2016 – Prima Serata: La noia dietro l’angolo

#Sanremo2016 - Prima Serata: La noia dietro l’angolo

Eccoci di nuovo con l’appuntamento annuale con il Festival dei talent ah no scusate il Festival di Sanremo, condotto anche quest’anno da Carlo Conti di cui si scommette il colore del Pantone corrispettivo.

Insieme a lui ben tre vallette: la valletta mora Madalina Ghenea, famosa per lo spot telefonico con Raoul Bova,  oltre che per essere l’ex di Gerard Butler e di Michael Fassbender (probabilmente Sanremo le è stato imposto per punizione); Virginia Raffaele, per la prima serata nel ruolo di Sabrina Ferilli; mentre nel ruolo della valletta bionda rifatta troviamo Gabriel Garko.
Super ospiti: Sir Elton John, Maître Gims con Est-ce que tu m’aimes? e purtroppo Laura Pausini.

Anteprima Sanremo

Ossia un Product Placement di una tristezza assoluta, fa quasi rimpiangere Pif (e ho detto tutto).
La lunga retrospettiva dei vincitori delle passate edizioni, dal 1951 ad oggi, ha l’unico effetto di evidenziare la feroce bruttezza delle canzoni vincitrici degli ultimi anni. Dopo il momento amarcord si parte con le terribili interviste dei cantanti e commentarle è veramente come sparare sulla croce rossa. Carlo Conti meno marrone del solito è passato dal “fondente” al “latte” e si finalmente si parte.

Il Festival

Arriva l’introduzione orchestrata di Starman di David Bowie, momento emozione rovinato subito da Conti che comincia a dare i numeri.
Arrivano i big:

1° Campione
Lorenzo Fragola
con Infinite Volte: un pezzo alla Mengoni, canzone lenta e bruttina, però steccata alla grande.

Arriva Madalina Ghenea, la valletta mora, con un vestito tigrato degno delle tende di mia nonna.

2° Campione
Noemi con La Borsa di una Donna e la bandiera arcobaleno fa la sua presenza sul palco! #SanremoArcobaleno
Purtroppo la canzone è bruttina e lei calante come non mai, peccato veramente: la canzone è di Masini e non dico altro.

La strepitosa Virginia Raffaele nei panni della Ferilli è semplicemente meravigliosa e rimane il momento più alto del festival.

3° Campione
La band dei Dear Jack con il nuovo cantante. La canzone è Mezzo Respiro ma credo che il titolo corretto sia Mezzo Rantolo,  sono riusciti a fare peggio dell’anno scorso e – incredibile ma vero – sono riusciti a fare peggio delle Lollipop!

Per lo spazio Tutti Cantano Sanremo ospite l’atleta Giuseppe Ottaviani, del 1916. L’arzillo quasi centenario fa tenerezza, ma l’importante e non fargli incontrare la Ghenea altrimenti ai 100 anni non ci arriva.

Finalmente la “Valletta Bionda Rifatta” (Gabriel Garko) entra in scema: la Ghenea parla diverse lingue da professionista, Garko una sola e pure male. Altro appunto da fare è sulla tintura dei capelli, terribile.

4° Campione
Finalmente Caccamo & Iurato con Via da qui. Mi aspettavo molto da questa coppia: la canzone è pochino lagnosa e non facile all’ascolto ma spero che si riprendano. Per quanto riguarda la Iurato posso solo sperare che picchi violentemente il suo stilista: sembrava Barbie Casamonica.

Momento Bimixin con una strabordante Laura Pausini doppia e tripla, vera e virtuale, insopportabile come al solito

5° Campione
Gli Stadio con Un giorno Mi dirai, con Gaetano Curreri che ha scordato la voce a casa. Non so se era effetto delle medicine che ho preso ma sembrava di vedere Rosy Bindi che stonava una canzone dei Coldplay.

6° Campione
Arisa con Guardando il Cielo, anche lei con la bandiera arcobaleno e anche lei canzoncina classica, per ora è quella che ha steccato di meno.
Sull’abbigliamento un no comment.

Arrivano sul palco Aldo, Giovanni e Giacomo con lo stessa scenetta di trenta anni fa, che non faceva ridere allora e non fa ridere ora, insomma la noia vera.

7° Campione
Enrico Ruggeri, rainbow anche lui, con Il primo amore non si scorda mai: per ora la canzone migliore ascoltata. Sembra scritta e/o arrangiata dai Goblin.

Di nuovo i tre Aldo, Giovanni e Giacomo e ritorna la noia

8° Campione
La band rediviva dei Bluvertigo con Semplicemente… e qui mi chiedo che fine ha fatto la voce di Morgan, afono peggio di Marco Carta. Comunque anche loro con il simbolo rainbow.

Super ospite Sir Elton John, che al piano esegue prima Your Song seguita da Sorry seem to be hardest word. Gli anni passano, la voce cambia, ma l’emozione è la stessa. A seguire la solita terribile intervista inutile di Harlo Honti e un altro pezzo per la presentazione nuovo disco.

Momento veramente poraccio con I coniugi salamoia.
Sembrerebbe un festival scoppiettante ma in realtà sono solo i rumori dei testicoli dei poveracci che stanno in prima fila.

9° Campione
Sul palco quella cosa terribile di  Rocco Hunt che vorrebbe essere disperatamente Pino Daniele in versione groove, ma andrebbe fatto il famoso confronto fra la Nutella e l’altra roba marrone che normalmente non è commestibile.

10° Campione
Irene Lagna Fornaciari con Blu. Devo dare atto che una volta ripulita e finalmente con i capelli lavati è quasi presentabile, ma la canzone è una lagna peggiore del solito, di buono anche lei con il simbolo rainbow.

Altro ospite il francofono Maitre Gims con la sua versione in lingua francese di Just Dance di Lady Gaga anche se l’ha intitolata  Est-ce que tu m’aimes ? e dice di averla scritta lui.

Altro momento “Veramente Poraccio” con Anna Foglietta e Kasia Smutniak che fanno la solita marchetta di presentazione del film di turno, anche se tocca dire che la Foglietta – la quale ha eseguito un pezzo di Un’Emozione Da Poco di Anna Oxa – ha cantato meglio di tutti.

Attimo Rocco Tanica con le sue testate anche se purtroppo non contro un muro.

Finalmente si arriva alla finale della serata e Harlo Honti insieme alle sue tre vallette ci mette al corrente di quella che è la…

Classifica Momentanea

Si salvano:

  • Stadio
  • Enrico Ruggeri
  • Lorenzo Fragola
  • Rocco Hunt (con i voti dei bimbominkia)
  • Arisa
  • Caccamo & Iurato

A rischio:

  • Irene Lagna Fornaciari
  • Noemi
  • Bluvertigo
  • Dear Jack (ma va!!!)

 

Per la diretta delle serate, seguiteci su Twitter: @thereservoirs.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *