Sanremo 2015 – La serata finale, contando che Conti non canti

Sanremo 2015 - La serata finale, contando che Conti non canti

Anche per la quarta serata lo share è stato molto alto: Carlo Conti ha fatto di nuovo il colpaccio

Dalla serata precedente sono quattro i big eliminati: I soliti idioti (e mano male), Lara Fabian ossia “come una brutta canzone abbia affossato una voce spettacolare”, Raf eliminato proprio la serata in cui aveva cantato meglio e la Tatangela, di cui finalmente sono riuscito a sentire la canzone e diciamo che era meno peggio del solito.
Personalmente avrei eliminato i Dear Jack e Moreno, anche fisicamente.
La gara delle nuove proposte viene vinta da Giovanni Caccamo con la sua Ritornerò da te, che rastrella anche i premi Mia Martini e Lucio Dalla, sponsorizzato da Caterina Caselli e come padrino virtuale Franco Battiato.

Sono 16 i big rimasti in gara:

  • Annalisa – Una finestra tra le stelle
  • Malika Nocedicocco Ayane – Adesso è qui
  • Marco Masini – Che giorno è
  • Chiara – Straordinario
  • Gianluca Grignani – Sogni infranti
  • Nek – Fatti avanti amore
  • Nina Zilli – Sola (I put a spell on you 2015)
  • Deaj Jack – Il mondo esplode tranne noi
  • Alex Britti – Un attimo importante
  • Moreno – Oggi ti parlo così
  • Bianca Il vero mistero di Sanremo 2015 Atzei – Il solo al mondo
  • Grazia Di Michele e Mauro Coruzzi – Io sono una finestra
  • Il Volo – Grande amore
  • Nesli – Buona Fortuna Amore
  • Irene Grandi – Un vento senza nome
  • Lorenzo Fragola – Siamo uguali.

Il mio pronostico del podio è su Il Volo, Nek, Lorenzo Fragola.
Sulla classifica di iTunes infatti Il Volo è al primo posto seguito da Lorenzo Fragola, primo fino a ieri, e a seguire Nek, Chiara, Annalisa e Malika Nocedicocco Ayane.

Di seguito i pronostici delle altre “iene” con il mio aggiornato.

 

Salgono poi sul palco dell’Ariston Gianna Nannini, Enrico Ruggeri, e Sheeran, il cast di Romeo e Giulietta – Il Musical, la PFM, Giorgio Panariello, il cast de I Braccialetti Rossi e i divi Will Smith e Margot Robbie, in Italia per promuovere la pellicola Focus.

sanremo-2015

 

Si comincia finalmente con Carlo Conti più lampadato che mai, il quale ci ricorda che è San Valentino.
E arrivano sul palco una parte degli artisti che sta portando il Musical di Romeo e Giulietta in giro per l’Italia… povero Shakespeare… perché?

Claudio Cecchetto sul palco e si spera quantomeno nel gioca jouer: invece viene premiato Kaligola con il premio Sergio Bardotti come miglior testo.
A seguire il cast di Braccialetti rossi 2 La Vendetta, la Premiata Forneria Marconi  e la banda dell’esercito… come siamo ridotti male.

Comincia la gara, il primo ad esibirsi è Marco Masini con la sua Masinata Classica, Che Giorno è, sempre più hipster, e i suoi capelli sono uno dei misteri di questo festival… parrucchino, trapianto o semplicemente gatto morto?

Nina Zilli è la prossima con Sola (I put a spell on you 2015), la canzone sa di già sentito ma è il suo genere, non ha mai fatto mistero di amare gli anni 60.

Preceduta dagli auguri di Fiorella Mannoia, si esibisce Chiara con la sua Straordinario, senza limone anche stasera… e io sopra la sua canzone ci canto Pupo con la sua Forse si forse no

Arriva Rocío Muñoz Morales e capiamo sempre di più Raoul Bova. Purtroppo il meteorite non è passato e arrivano i Dear Jack con la loro Il mondo Esplode tranne noi, però c’è il videomessaggio di Kekko dei Modà e ancora speriamo nel meteorite… comunque attimo bimbominkia rispettato anche stasera.

Per la serie Tutti Cantano Sanremo arriva una coppia di poveracci che sono sposati da 65 anni, attimo gerovital

Si ricomincia la gara con Malika Nocedicocco Ayane, Adesso è qui, nostalgico presente… la noia fatta donna anzi Nocedicocco.
Non mi sono mai spiegato il suo successo, le sue canzoni sono tutte uguali.

Superospite Gianna Nannini che presenta la cover di Don Backy, L’immensità, tratta dal suo ultimo Cd Hitalia… anche lei caduta nella trappola del disco di cover a modo suo della serie c’era una volta Gianna Nannini…. imbarazzante anche con Sei nell’anima.

10649967_1046469205369663_8086393224298413883_n

[ foto via facebook ]

 

Ecco uno dei favoriti del Festival, Nek, con la sua Fatti avanti amore: è divertente vedere come i capelli di Nek diventino più scuri ogni giorno che passa.

Panariello imita Renato Zero… sempre più Tale e Quale Show… mi va venire voglia di riascoltare le Kandeggina Gang con la loro ORRORE.

Arisa e le sue meravigliose medicine sono sul palco per presentare il trio de Il Volo con la loro Grande Amore, canzone che molto probabilmente vincerà questo Festival. C’è da dire che la versione da studio della canzone risulta piatta, sono molto meglio dal vivo.

Annalisa con la sua La Finestra tra le stelle è la big successiva: la ragazza ha una bella voce ma la canzone sembra una qualsiasi canzone dei Modà, con il pezzo giusto potrebbe veramente fare sfracelli.

Sheeran è l’ospite “superstar” della serata, ultimamente salito alla ribalta per una divertente battibecco con Noel Gallagher… comunque Carlo Conti non deve fare interviste, o meglio cambiare autori: le domande sono di un imbarazzante unico, anche se non come i Boiler, Odio allo stato puro.

Ricomincia la gara con Alex Britti, Un attimo importante la sua canzone, e lui fuori tono come sempre stecca anche stasera mi sa che ci ha preso gusto.

Finalmente Irene Grandi con la sua Un vento senza nome, ballad malinconica eseguita con eleganza, è una delle canzoni più belle di questo festival, mi piacerebbe veramente vederla sul podio.

Lorenzo Fragola con la sua Siamo Uguali e una delle prime sulla classifica di iTunes ed è anche lui uno di quelli che probabilmente sarà sul podio tra i primi tre di questo Festival.

Bianca Il vero mistero di Sanremo 2015 AtzeiIl solo al mondo… e ancora sui social la gente si chiede “chi cazzo è, e perché sta tra i big”.

Moreno la stecca umana è il prossimo, Arisa inciampa sulla marea di autori della canzone, ma veramente ci si sono messi in tanti a scrivere una schifezza così?

Il miracolato Gianluca Grignani con la sua Sogni infranti sul palco stecca come non mai, povere le nostre orecchie.

I veri miracolati del festival, (dis)Grazia di Michele e Mauro Coruzzi con la loro Sono una finestra sono i prossimi. Ha più voce lui di lei e considerando che lui non è un cantante ho detto tutto.

Nesli è l’ultimo big ad esibirsi in gara, con Buona fortuna Amore, e io come al solito rinnovo il mio Buona Fortuna Nesli… anche perché se uno pensa male la canzone fa ridere.


Super ospite Will Smith con annesso marchettone per il film Focus in uscita a marzo. Finalmente Conti ha qualcuno dello stesso colore sul palco, solita intervista imbarazzante che dimostra la mediocrità di Conti, o dei suoi autori.

 

[ foto via Facebook ]

 

Arriva la Classifica con attimi di puro panico, dove incredibilmente Carlo Conti è riuscito a tenere in mano la situazione anche quando l’elenco dei cantanti sullo schermo era palesemente errato. Una lancia in suo favore, anche se stasera qualche testa sarà saltata in RAI.

16 (Dis)Grazia e Coruzzi
15 – Moreno
14 – Bianca chi cazzo è Atzei
13 – Nesli
12 – Irene Grandi
11 – Alex Britti
10 – Lorenzo Fragola
9 – Nina Zilli
8 – Gianluca Grignani
7 – I Dear Jack
6 – Marco Masini
5 – Chiara
4 – Annalisa

Quindi Nek, Malika Nocedicocco Ayane e Il Volo sono i tre big che si giocano il podio.

Dopo il momento tragicomico per far passare il tempo con Marta e Gianluca, e la presenza di Enrico Ruggieri, è il momento dei premi speciali.

Il Miglior arrangiamento di Sanremo 2015 lo vince Nek come anche il Premio Lucio Dalla, mentre il Premio Mia Martini lo vince Malika NoceDiCocco Ayane.

La Simpatica, La Camionista e la Figa esprimono la loro emozione… manco Simona Ventura.

il-volo-grande-amore-vince-sanremo-2015

 

Finalmente arriva la classifica finale:

3 – Malika LaNocediCocco Ayane
2 – Nek
1 – Il Volo

I tre tenorini Il Volo con la loro Grande Amore vincono il Festival di Sanremo 2015 e il buon Carlo Conti chiude con il botto di ascolti: 11,8 mln e 54%, il Festival più visto da 10 anni.

E per quest’anno con Sanremo è tutto… anzi no vedremo poi con le vendite.

 

Posted in ,

Luca Rizzo

Rosso come il colore del sangue, è conosciuto anche come Satanik, un appassionato di libri, cinema, fumetti & musica. Citazione preferita: “Per te è stato bello come lo è stato per me?” da Le Iene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *