La Notte del Giudizio

La Notte del Giudizio

lanottedelgiudizioLiberate la bestia e sfogatevi nelle strade.
Nel non troppo lontano 2022 gli Stati Uniti d’America, grazie al “supremo” intervento di misteriosi e riveriti Nuovi Padri Fondatori, appaiono come un soleggiato e rigoglioso giardino dell’Eden in cui sofferenza, criminalità e disoccupazione sono solo l’eco di un brutto ricordo. Grazie allo Sfogo, quell’unica notte dell’anno in cui la legge consente a tutti di sfogare liberamente gli istinti più bassi, di generare violenza assoluta e (in)giustificabile per dodici ore e tornare a vivere serenamente un altro pacifico anno. Chi non è in vena di bagni di sangue può rimanere comodamente in casa, azionare sofisticati sistemi d sicurezza e guardare un film. Proprio come vorrebbero fare i Sandin (Ethan Hawke e Lena Headey), blindati nella loro lussuosa e (im)penetrabile dimora californiana, il cui equilibrio finisce per essere infranto da due inattesi ospiti: il bad boy si cui è innamorata la figlia adolescente (Adelaide Kane) e l’uomo braccato da criminali festanti a cui concede rifugio il secondogenito dal cuore tenero (Max Burkholder). E il cruento inseguimento al gatto e al topo è servito.

Ispiratosi a La lotteria, racconto del 1948 di Shirley Jackson, il regista e sceneggiatore James DeMonaco tenta di confezionare un horror futurista che aspira alla satira sociale, guardando ad Arancia Meccanica e Funny Games e cucendo temi quantomai caldi e dibattuti in una melodia in crescendo. Eppure, per quanto visualmente attraente, La notte del giudizio rimane un B-movie incapace di illustrare provocatoriamente “nuove” teorie sociologiche, di rappresentare punti di vista alternativi e le sfumature esistenti tra male assoluto e solidarietà buonista, preferendo inanellare una serie di cliché, di incarnazioni della violenza trite e ritrite e prese a prestito da ben altre immaginazioni. Accostando al concetto piuttosto elementare del “lato oscuro” presente in ogni essere umano, l’homo homini lupus di hobbesiana memoria, l’ambiguo e presuntuoso perbenismo Wasp, la fin troppo ovvia “caccia al nero”, la dinamica estetica di un culto à la Family di Charles Manson, il classico dramma della gelosia nelle sue altre declinazioni. In un’occasione mancata che ha il pregio, quantomeno, di non tormentare lo spettatore oltre il tempo necessario.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *